#Credito d'imposta riconosciuto a favore delle #imprese per gli investimenti in beni strumentali nuovi - DotUp - Studio Ranieri dott. Renato - Commercialista

Vai ai contenuti

Menu principale:

#Credito d'imposta riconosciuto a favore delle #imprese per gli investimenti in beni strumentali nuovi

Pubblicato da in Impresa e Lavoro ·
Tags: Creditoimpostaimpresa
Come noto, ai titolari di reddito d'impresa è riconosciuto, ai sensi dell'art. 18, D.L. n. 91/2014, un credito d'imposta, per gli investimenti effettuati nel periodo 25.6.2014 - 30.6.2015 in beni strumentali nuovi, rientranti nell'elenco di cui alla divisione 28 della Tabella Ateco 2007, pari al 15% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti dei 5 periodi d'imposta precedenti.

L'agevolazione spetta, come evidenziato nella Circolare dell'Agenzia delle Entrate 19.2.2015, n. 5/E:
  • ai titolari di reddito d'impresa (a prescindere dalla natura giuridica, dalla dimensione, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato), comprese le stabili organizzazioni di soggetti non residenti e gli enti non commerciali con riferimento all'attività commerciale esercitata;
  • anche alle imprese che hanno iniziato l'attività successivamente al 25.6.2014;
  • ai soggetti che svolgono attività considerate "a rischio di incidenti sul lavoro" ex D.Lgs. n. 334/99, a condizione che siano in possesso della documentazione attestante l'adempimento degli obblighi e delle prescrizioni previste da tale Decreto.

Il beneficio in esame è riconosciuto per gli investimenti in beni, destinati a strutture produttive ubicate in Italia, compresi nella divisione 28 della Tabella Ateco 2007 a condizione che siano strumentali e nuovi.

Il beneficio in esame è escluso per gli investimenti di importo unitario inferiore a euro 10.000, che va verificato, come precisato nella citata Circolare n. 5/E:
"in relazione a ciascun progetto di investimento effettuato ... in beni strumentali compresi nella divisione 28 ... e non ai singoli beni che lo compongono".
L'agevolazione spetta per i beni:
  • acquistati da terzi;
  • realizzati mediante contratto di appalto/in economia;
  • in leasing.

Come accennato, l'agevolazione consiste in un credito d'imposta pari al 15% delle spese sostenute dal 25.6.2014 al 30.6.2015 in eccedenza rispetto alla media degli investimenti nei suddetti beni strumentali realizzati nei 5 periodi d'imposta precedenti.
Il beneficio matura per gli investimenti effettuati in 2 periodi d'imposta: quello in corso al 25.6.2014 per gli investimenti effettuati dal 25.6.2014 e quello successivo per gli investimenti effettuati fino al 30.6.2015.

Pertanto, per un soggetto con esercizio coincidente con l'anno solare, gli investimenti dal 25.6 al 31.12.2014 contribuiscono a determinare l'agevolazione per il 2014 mentre quelli dall'l.l al 30.6.2015 definiscono l'agevolazione per il 2015.

Il valore degli investimenti effettuati in ciascun periodo agevolato va individuato secondo i criteri generali di cui all'art. 110, comma 1, lett. a) e b), TUIR e pertanto il relativo costo va considerato al lordo degli ammortamenti dedotti e comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione (con esclusione degli interessi passivi e delle spese generali).
Il costo va assunto al netto dei contributi in conto impianti a prescindere dalla modalità di contabilizzazione degli stessi (a riduzione del costo del bene o utilizzando la tecnica dei risconti), con esclusione comunque di quelli non rilevanti ai fini IRPEF/IRES).

Utilizzo del credito
Il credito d'imposta in esame va ripartito in 3 quote annuali di pari importo, così utilizzabili:
  • prima quota (1/3) dall'1. 1 del secondo periodo d'imposta successivo a quello in cui è stato effettuato l'investimento;
  • seconda quota (1/3) dall'1. 1 del terzo periodo d'imposta successivo a quello in cui è stato effettuato l'investimento;
  • terza quota (1/3) dall'1. 1 del quarto periodo d'imposta successivo.

Codice tributo
Ai fini dell'utilizzo del credito in esame l'Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 96/E/2015, ha istituito il seguente codice tributo
"6856" - credito d'imposta per investimenti in beni strumentali nuovi ..."

Nel campo "anno di riferimento" del mod. F24 va riportato l'anno di sostenimento della spesa.


Bookmark and Share

Nessun commento


Cerca Circolari
Studio Ranieri Dott. Renato

Viale Guglielmo Marconi n° 77
65126 Pescara (PE)

Tel. e Fax: 085.4516981
Mobile 320.3630638
renato@studioranieri.com
renato@pec.studioranieri.com

P.Iva 01717280687
Iscrizione Albo Commercialisti Pescara 812/A
Torna ai contenuti | Torna al menu