Emilia Romagna, ora è Zona Franca Urbana. Le agevolazioni. - DotUp - Studio Ranieri dott. Renato - Commercialista

Vai ai contenuti

Menu principale:

Emilia Romagna, ora è Zona Franca Urbana. Le agevolazioni.

Pubblicato da in Fisco ·
Tags: ZFUAGEVOLAZIONI
Le Zone franche urbane (ZFU), introdotte originariamente con L. n. 296/06, c.d. Finanziaria 2007, allo scopo di agevolare lo sviluppo dell'imprenditoria in determinati ambiti territoriali "depressi", hanno visto ampliare l'ambito territoriale di applicazione, grazie all'art. 37 del D. L. n. 179/12, c.d. Decreto Sviluppo-Bis. Oggi grazie alla pubblicazione del D.L. n. 78/2015 del 19.06.2015, c.d. Decreto Enti locali, in Gazzetta Ufficiale n. 140 S.O. del 19.06.201S, recante "Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali", anche alcuni comuni dell'Emilia Romagna possono godere delle agevolazioni.

La perimetrazione della zona franca è la seguente: comuni di Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Medolla, San Prospero, San Felice sul Panaro, Finale Emilia, comune di Modena limitatamente alle frazioni di La Rocca, San Matteo, Navicello, Albareto, e i centri storici dei comuni con zone rosse: Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Mirandola, Novi di Modena, S. Possidonio, Crevalcore, Poggio Renatico, Sant'Agostino.

Tali aree possono godere di un regime di favore che si esplica nell'esenzione dalle imposte sui redditi, dall'Irap, dall'Imu limitatamente agli immobili utilizzati nell'attività economica. Si rimane in attesa della pubblicazione del bando, per la presentazione delle istanze di adesione a tali agevolazioni.

Condizioni per accedere alla ZFU - Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese localizzate all'interno della zona franca con le seguenti caratteristiche:

  • rispettare la definizione di micro imprese, ai sensi di quanto stabilito dalla Raccomandazione della CE 6 maggio 2003, n. 2003/361/CE, e del D.M. 18 aprile 2005, e avere un reddito lordo nel 2014 inferiore a 80.000 euro e un numero di addetti inferiore o uguale a 5;
  • essere già costituite alla data di presentazione dell'istanza, purché la data di costituzione dell'impresa non sia successiva al 31 dicembre 2014;
  • svolgere la propria attività all'interno della zona franca;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti civili, non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali.

Per accedere alle agevolazioni, i soggetti devono, poi, avere la sede principale o l'unità locale all'interno della zona franca.

I soggetti di cui al presente articolo possono beneficiare, nel rispetto della dotazione finanziaria del fondo (di circa 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2015 e 2016), delle seguenti agevolazioni:

  • esenzione IRPEF/IRES del reddito derivante dallo svolgimento dell'attività svolta dall'impresa nella ZFU fino a concorrenza, per ciascun periodo di imposta, dell'importo di 100.000,00 euro del reddito derivante dallo svolgimento dell'attività svolta dall'impresa nella ZFU;
  • esenzione IRAP del valore della produzione netta derivante dallo svolgimento dell'attività svolta dall'impresa nella ZFU nel limite di euro 300.000,00 per ciascun periodo di imposta, riferito al valore della produzione netta;
  • esenzione dalle imposte municipali proprie per gli immobili siti nella zona franca di cui al comma 1, posseduti e utilizzati dai soggetti per l'esercizio dell'attività economica. 

Le esenzioni sono concesse esclusivamente per il periodo di imposta 2015 e 2016 (per coloro che possiedono un anno d'imposta coincidente con l'anno solare).

Limite "de minimis" sempre applicabile - Gli aiuti di stato corrispondenti all'ammontare delle agevolazioni sono concessi nei limiti degli aiuti "de minimis", anche per il settore agricolo.




Bookmark and Share

Nessun commento


Cerca Circolari
Studio Ranieri Dott. Renato

Viale Guglielmo Marconi n° 77
65126 Pescara (PE)

Tel. e Fax: 085.4516981
Mobile 320.3630638
renato@studioranieri.com
renato@pec.studioranieri.com

P.Iva 01717280687
Iscrizione Albo Commercialisti Pescara 812/A
Torna ai contenuti | Torna al menu